Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

Cavese, occasione sciupata: solo un pari contro il Rende

I goal di Gabrielloni e Celiento non bastano per aggiudicarsi il big match - Aquilotti raggiunti due volte da un super Actis Goretta - Domenica derbi contro la Turris


Domenica, 29 gen 2017
Cavese-Rende, inizio gara - (® foto di Nello Bisogno)
CAVA DE’ TIRRENI – (servizio di Nello Bisogno) Per la 21° giornata del girone I di serie D, al “Lamberti” andava in scena il big match di giornata. Cavese e Rende, due delle tre compagini seconde classificate, si affrontavano per un eventuale sorpasso ai danni dell’Igea, oggi sconfitta in trasferta dal Sersale. Fra i due litiganti il terzo gode, però: il Leonzio, l’altra "seconda" del trio, affermandosi in trasferta sul Gragnano è balzato al comando della graduatoria.

LA CRONACA – Prima della partita, è stato osservato un minuto di raccoglimento per le vittime di Rigopiano. Buono l’approccio alla gara per gli uomini di mister Longo, che al 6° vanno subito in goal con Gabrielloni: su azione elaborata dal duo Celiento-Circià, il centravanti metelliano riceve palla che e insacca con un tiro preciso per il momentaneo 1-0. Gli ospiti provano a riequilibrare le sorti dell’incontro al 13° con un tiro dal limite di Modesto, ma la palla leggermente toccata da Actis Goretta finisce


Minuto di raccoglimento per le vittime dell'Hitel Rigopiano (® foto di N. Bisogno)
di poco alta sulla traversa. La gara procede con rapide folate da una parte e dall’altra, con la Cavese che in più di un’occasione cerca il colpo del KO.  Al 21°, su azione di rimessa, Celiento serve Ciarcià al limite che conclude a rete, ma la palla sorvola la traversa e finisce sul fondo. Al 36°, sempre con un’azione di rimessa tutta di prima con il duo Gabrielloni-Celiento, la palla arriva a Rossi che a botta sicura calcia a rete, ma trova ben piazzata la difesa ospite che si rifugia in angolo. I calabresi non demordono e vanno vicino al pari al 42°: su rinvio non perfetto di Padovano, Fiore fionda un tiro dal limite che Conti di pugno respinge in angolo. Dopo un minuto di recupero, il primo tempo finisce con il momentaneo vantaggio degli aquilotti.

Il goal di Gabrielloni -  (® foto di N. Bisogno)
IlNel secondo tempo gli ospiti entrano in campo più motivati dei padroni di casa e agguantano il pareggio nei primissimi minuti. Al 50°, su azione di contropiede, Ferreira sguscia via a Padovano ed entra in area, il difensore metelliano ingenuamente commette fallo e lo atterra. Per il fischietto teramano non ci sono dubbi e assegna il penalty che Actis Goretta dagli 11 metri trasforma per l’1-1.  La Cavese incassa il colpo e cerca subito di ristabilire le distanze. Ci riesce segnando al 61° una rete contestatissima dagli ospiti, concessa dall’arbitro dopo che il suo assistente aveva sbandierato per un fuorigioco inesistente. Gabrielloni scatta in contropiede e come un treno avanza verso l’area calabrese, appena dentro serve verso il centro per l’accorrente Celiento che non fallisce e insacca per il 2-1. Dopo le vibranti proteste, gli ospiti ripartono a testa bassa alla ricerca del pari, che arriva pochi minuti dopo con Actis Goretta che, al 67°, sotto porta raccoglie un cross dalla bandierina di Modesto e segna la palla del 2-2, realizzando anche la doppietta personale. La Cavese, che nel frattempo rimane in superiorità numerica per l’espulsione del rendese Manes, cerca di portarsi nuovamente in vantaggio in varie occasioni: all’80° Celiento dalla destra serve Di Deo che si accentra e dal limite si porta al tiro che Falcone prontamente devia. Passa un minuto e all’81° è Gabrielloni a mancare l’appuntamento con il goal: Ciarcià crossa in area dalla destra, l’attaccante metelliano colpisce di testa la sfera, ma la difesa rendese respinge e salva il risultato. All’84° a mancare il bersaglio, per gli aquilotti, è Di Deo, che a porta sguarnita e da pochi passi spedisce la palla alle stelle. Il centrocampista metelliano si ripete e manca il possibile goal del sorpasso all’87° su calcio invito dalla bandierina di Rossi. Il Rende, però, scampato il pericolo, e nonostante l’inferiorità, non tira i remi in barca e all’88° sfiora il colpaccio con Viterritti che, grazie a un doppio liscio di Galullo, scatta in contropiede e una volta in area calcia a rete, Conti si oppone con il corpo e respinge in angolo la sfera. Dopo cinque minuti di recupero il sig. Feliciani di Teramo mette fine alle ostilità. Il big match tra Cavese e Rende finisce pari e patta: un pareggio che, in concomitanza della sconfitta dell'Igea Virtus, non consente agli uomini di Longo di conquistare il primo posto in classifica. Domenica prossima, intanto, i metelliani affronteranno la Turris in trasferta per un altro derby storico, che si annuncia difficile e incandescente.

Nello Bisogno


TABELLINO di Cavese 2 - Rende 2 (a cura di Paola Arena)

Cavese (4-3-3): Conti; Padovano, Riccio, Galullo, Loreto; Di Deo, CIarcià, Rossi; Celiento; Gabrielloni, Golia; All: E. Longo. A disp: D’Amico, Alleruzzo, Parenti, Armenise, Meloni, Migliaccio, Giglio, Felleca, Bellante.
Rende (3-5-2): Falcone;  Manes, Sanzone, Marchio; Viteritti, Otranto, Boscaglia, Fiore, Modesto; Actis Goretta, Ferreira; All: B. Trocini. A disp: Spano Formosa, Piromallo, Crispino, Benincasa, Gigliotti, Falbo, Vivacqua, Azzinnaro.
Arbitro: Sig. Ermanno Feliciani di Teramo; Assistenti sig.ri A. Torresan di Bassano e F. Savalla di Padova
Marcatori:  6° e 61° Gabrielloni e Celiento (C), 50° (rig.) e 67° Actis Goretta (R)
Sostituzioni: 71° Meloni per Golia, 87° Felleca per Ciarcià, 90° Giglio per Gabrielloni (C) – 85° Benincasa per Modesto e Gigliotti per Ferreira, 90° Vivaqua per Actis Goretta (R)
Note: Cielo sereno con giornata leggermente ventilata; terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori presenti circa 1800, di cui una cinquantina provenienti da Rende. Ammoniti: Padovano Galullo e Giglio (C) e Manes, Fiore e Actis Goretta (R); Espulsi: Manes per doppia ammonizione; Angoli: 8 – 4 per la Cavese; Recupero: 1’ pt – 5’ st.


Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre