Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

Cavese, umiliata dal Rende sul proprio terreno: 0-3 il finale del "Lamberti"

Addio sogni di gloria? Gli aquilotti perdono il match casalingo contro i calabresi di mister Trocino e compromettono seriamente il traguardo finale -  Uno due di Musca e Goretta nel primo tempo, poi Kieremateng arrotonda al 90° . Applausi a fine gara per i rendesi


Cavese-Rende - (@foto di Paola Arena e R. Adinolfi)
CAVA DE’ TIRRENI – (servizio di Nello Bisogno - tabellino a cura di Paola Arena ) Contro il Rende la Cavese, prima in classifica più per fortuna che per meriti, difendeva il primato in attesa dello scontro diretto al vertice contro il Siracusa. La vittoria era l’unico obbiettivo da centrare, fatto sta che gli aquilotti, oggi irriconoscibili, perdono la gara e anche la faccia contro un avversario che ha dato lezioni di calcio alla più quotata squadra metelliana. A fine gara applausi per mister Trocini e i suoi, fischi e proteste, invece, per Papagni e company. La Cavese perde nuovamente il primato e compromette il traguardo finale che dà accesso alla lega pro. Domenica, intanto, gli aquilotti saranno impegnati in trasferta contro il Marsala: CIN CIN. 

LA CRONACA – Pessimo, nel primo tempo, l’approccio alla gara da parte degli aquilotti, che chiudono la prima frazione di gioco in doppio svantaggio. Il Rende, infatti, fa la capolista e punisce gli “uomini” di mister Papagni. Difatti sono proprio i calabresi seriamente pericolosi per prima, dopo due azioni in fuorigioco fischiate ai metellinai. Al 9° Benincasa, su punizione calciata da Ginobili, di testa impegna Conti alla parata. Presto i rendesi prendono il sopravvento e al 13° passano in vantaggio: Musca batte una punizione da circa 25 metri che, complice anche Conti, perennemente fuori dai pali, insacca per lo 0-1 momentaneo. Tre minuti dopo, al 16°, sugli sviluppi di un calcio d’angolo Gigliotti impegna ancora Conti che stavolta è pronto e si salva in angolo. La risposta della Cavese è affidata ai

Cavese-Rende, fischio d'inizio - (@foto di Paola Arena e R. Adinolfi)
piedi di Proia che, al 17°, con un tiro dal limite sfiora il pari: la palla esce di poco sul fondo. Il Rende, però, è padrone del campo e al 23° sfiora il raddoppio: Papa, su cross di Gigliotti, saggia i riflessi di Conti che si salva ancora una volta in angolo. Il raddoppio è nell’aria e arriva al 25°: i calabresi se ne vanno in contropiede e, approfittando di una dormita di Gallullo, insaccano con Goretta la palla dello 0-2.  La Cavese non c’è e il Rende ne trae il massimo profitto: al 31° su azione di rimessa il solito Gigliotti con un tiro dal limite impegna ancora Conti che si rifugia in angolo. Il primo tempo volge al termine e dopo un minuto di recupero il sig. Ruggiero di Roma manda tutti al riposo, con gli aquilotti che escono tra i fischi dei propri sostenitori.

Nel secondo tempo la musica non cambia, il Rende continua a giocare bene e da lezione di calcio ai metelliani. Al 49° annotiamo un calcio di punizione di De Rosa che finisce alto sulla traversa, poi solo Rende fino alla fine del match. Al 52° i calabresi scattano in contropiede e si portano al tiro con Gigliotti che viene respinto da Conti, poi Fiore con un diagonale colpisce la parte alta della traversa. Due minuti e al 54° il Rende se ne va ancora una volta in contropiede con Papa, che scatta sulla sinistra e serve in area per Goretta che tutto solo e a porta sguarnita grazia Conti. Timida la risposta della Cavese: al 66° Di Deo, su invito di De Rosa, con un colpo di testa non inquadra lo specchio della porta. Davvero poca cosa per una prima della classe. Gli attaccanti metelliani non effettuano nemmeno un tiro in porta per tutto l’arco della gara, e a nulla servono i cambi in corso d’opera effettuati da Papagni. L’unico tiro in porta degno di nota (in tutto il match), la Cavese lo effettua all'81° ad opera di Gatto che con una sventola dal limite potrebbe accorciare le distanze, ma la dea bendata dice no al centrocampista aquilotto: la palla si stampa sulla traversa. Il Rende continua a macinare gioco e con il piglio da squadra leader cala il tris al 90°: la squadra calabrese se ne va in contropiede sulla destra e con Kyeremateng, che approfitta del doppio errore di Galullo prima e Conti poi, piazza la palla dello 0-3. Dopo 5 minuti di recupero il direttore di gara mette fine alle sofferenze dei metelliani, oggi umiliati sul proprio terreno e davanti ai propri sostenitori da un coriaceo e bellissimo Rende. Domenica il match in Sicilia contro il Marsala

Nello Bisogno




IL TABELLINO di Cavese 0 – Rende 3 (curato e redatto da Paola Arena)

Cavese – (3-5-2): Conti; Cicerelli, Maraucci, Sicignano (34° Criniti), Donnarumma (55° Puntoriere), Galullo, Proia, Di Deo, Varriale, De Rosa (71° Gatto), D’Ancora. A disp: Cirillo, Padovano, Mansi, Sabatucci, Ricciardi, D’Anna. Allenatore Aldo Papagni
Rende – (4-4-2): De Brasi; Bruno, Ruppo, Benincasa, Musca, Ginobili, Gigliotti (55° Zangaro), Fiore (85° Piromallo), Actis Goretta (89 Kyeremateng), Papa, Falbo. A disp: Palumbo, Azzinnaro, Scarnato, Sanzone, Marchio, Formosa. Allenatore Bruno Trocini
Arbitro: Sig. Michele Ruggiero di Roma 1; Assistenti: sig.ri C. Barone di Rm 1 e F. Rizzotto di Rm 2
Marcatori: 13° Musca, 25° Goretta e 90° Kyeremateng (R)

Note: Cielo sereno o poco nuvoloso con giornata leggermente ventilata. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori paganti circa 2000, anche grazie alla giornata biancoblu che è stata indetta in occasione della gara con i rendesi. Circa una decina i tifosi provenienti da Rende a seguito della squadra. Ammoniti: Fiore, Bruno (R), Galullo (C); Espulsi: -; Angoli: 4 – 6; Recupero: 1’ pt – 5’ st.

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre