Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

Cavese, scacco alla Reggina: al "Granillo" i primi tre punti dell'era Papagni

Con un'autorete di De Bode e il goal di Criniti la Cavese stende la Reggio Calabria - Aquilotti secondi a due lunghezze di distanza dalla Frattese





R.Calabria-Cavese, tifosi al "Granillo"
(foto tratta dalla pagina Fb della Cavese Calcio)
CAVA DE’ TIRRENI – (servizio di Nello Bisogno - Tab. a cura di P. Arena) - Debutto vincente per mister Papagni, subentrato 7 giorni fa sulla panchina blufoncè al posto di Emilio Longo. Con gli stessi uomini, ma con dei piccoli ritocchi e un riassetto tattico, il tecnico di Bisceglie raccoglie in trasferta i primi tre punti della sua gestione. Sul terreno del “Granillo”, infatti, la Cavese si impone sulla Reggio Calabria con il classico punteggio all’inglese, battendola per 2-0. Rinvigoriti nello spirito e disposti in campo con l’inedito 3-4-3, gli aquilotti tornano alla vittoria e fanno vedere ottime trame di gioco, divertendo i circa 300 supporters al seguito della squadra, e i tanti tifosi che hanno seguito la partita da casa e in diretta televisiva . 

LA CRONACA – La cavese si approccia con la mentalità giusta alla gara, e nel primo tempo si rende da subito pericolosa al 2° minuto di gioco con una travolgente percussione di Criniti, la difesa locale si salva con De Bode che mette in angolo la sfera. Passano pochi minuti e al 7° De Rosa batte magistralmente una punizione delle sue, ma il portiere reggino si salva in angolo con l’ausilio del palo. In campo è solo Cavese, che spinge sempre più alla ricerca del goal. Rete che arriva al 13° su rapida azione di contropiede: Sicignano, con un lungo lancio dalle retrovie, serve Donnarumma che s’invola verso l’area avversaria e,
una volta in prossimità della linea di fondo, effettua un cross al centro che De Bode devia nella propria rete nel tentativo di salvataggio: 0-1 e gara in discesa per gli uomini di Papagni. La squadra metelliana insiste e si porta sistematicamente in area reggina alla ricerca del doppio vantaggio: al 17° è Improta che con un preciso diagonale impegna Ventrella in una difficile respinta della sfera. I padroni di casa si fanno vedere, giusto per marcare il “cartellino di presenza”, al 31° con un tiro dalla distanza di Roselli, ma conti è attento e respinge di pugno la minaccia. Intorno alla mezz’ora di gioco è il capitano metelliano De Rosa a provarci, ma la sua conclusione, sferrata da circa 30 metri, viene neutralizzata da Ventrella in due tempi. I padroni di casa si fanno notare ancora una volta verso il finire del tempo, esattamente al 41°, quando si portano al tiro con Foderaro, ma Maraucci respinge la sfera, poi la difesa mette la palla definitivamente in corner. L’ultima azione del tempo, però, è ancora di marca biancoblu: al 43°, infatti D’Ancora con un preciso diagonale costringe Ventrella alla respinta di pugno. Dopo 2 minuti di recupero il direttore di gara manda tutti al riposo con il vantaggio di una rete a zero per la Cavese.

I festeggiamenti di fine gara - (foto tratta da Off. Page Cavese Calcio)
Nella ripresa i padroni di casa sembrano entrare sul terreno di gioco più convinti alla ricerca del pari, ma la Cavese schierata al “Granillo” è totalmente opposta a quella vista otto giorni prima contro l’Agropoli. Gli aquilotti, infatti, amministrano saggiamente il minimo vantaggio, senza disdegnare, però, la ricerca del goal del k.o. Al 59°, infatti, la Cavese va nuovamente in goal e mette in cassaforte il risultato: Improta crossa al centro dalla sinistra e il portiere locale, in uscita e in presa aerea, si lascia sfuggire la sfera che giunge a Criniti che realizza il goal del 2-0 per la Cavese e chiude la partita con i reggini. Nei minuti restanti, infatti, i padroni di casa non trovano sbocchi e non riescono a riaprire la partita, grazie anche alla “giornata di grazia” dei metelliani. All’84° gli aquilotti sfiorano la terza marcatura in rapida successione per due volte: prima con Proia, il cui tiro viene respinto da Ventrella, e poi con Cicerelli, che sul tap-in mette di poco a lato la sfera. La gara si avvia alla fine con il punteggio ormai acquisito e dopo 5 minuti di recupero il direttore di gara manda tutti sotto la doccia.

La Cavese al termine di una gara condotta con intelligenza e sagacia tattica, oltre che con una giusta dose di grinta e cinismo, porta a casa l’intera posta in palio: ora è seconda in classifica a solo due lunghezze dalla Frattese. Domenica prossima, intanto, ospiterà sul proprio terreno i siciliani del Noto: per la Cavese del nuovo corso Papagni, l’obbiettivo è quello di riagguantare nuovamente il primo posto in classifica. La volata alla Lega Pro è appena iniziata?!

Aniello Bisogno






Tabellino di R. Calabria 0 - Cavese 2 (curato e redatto da Paola Arena)
Asd Reggio Calabria: Ventrella. Cane (53° Zampaglione), Carrzza, Roselli, De Bode, Brunetti, Bramucci (53° st Maesano) , Forgione, Lavrendi (46° st Tiboni), Foderaro, Oggiano; All. Cozza. A disp: Licastro, Cucinotti, Corso, De Marco, D’Ambrosio, Castaldi.  
Cavese: Conti, Cicerelli, Galullo, Maraucci, Sicignano, Donnarumma, Criniti, Di Deo, Improta (80° Proia), De Rosa (73° Varriale), D’Ancora (88° st Sabatucci°); All.Papagni. A dip: Cirillo, Manzi, Notaroberto, Proia, Riccardi, Puntoriere, D’Anna. 

Ammoniti: D’Ancora, Di Deo, Tiboni, Zampaglione, Donnarumma.
Marcatori: 13° De Bode. 59° Criniti
Recupero: 2′ pt -  5′ st

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre