Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

CAVESE-Vigor Lamezia: il quarto tempo in sala stampa

Emilio Longo: "La Cavese non sciorina un bel calcio, ma siamo primi. La critica è giusta, ma è il pregiudizio che mi fa male. Non è una bella cosa"



Marco Giannattasio: "Questo primato ci deve dare forza e continuare fino alla fine. Fuori casa ci servono più punti, ma di fronte c'è sempre l'altra squadra"


Simone D'Anna: "C'è sempre scetticismo intorno alla squadra, ma io guardo sempre ai risultati"



Emilio Longo, tecnico metelliano
CAVA DE’ TIRRENI - (servizio di Paola Arena) - Persa la leadership del campionato, la Cavese contro la Vigor Lamezia riconquista subito la testa della classifica, grazie anche alle sconfitte di Siracusa e Frattese. Contro i lametini gli aquilotti non disputano una gara brillante, ma sanno essere cinici sfruttando al massimo gli errori dei meno esperti avversari. Poco spettacolo e Cavese "operaia", dunque, ma l’importante era vincere. Obbiettivo che gli aquilotti di mister Longo (polemico a fine gara in sala stampa), hanno centrato in pieno con tre goal all’attivo. Ora sono di nuovo in vetta e, in attesa degli scontri diretti contro Siracusa e Frattese che si giocheranno ad inizio di dicembre dopo la parentesi di Rende e Marsala, si godono il primo posto in classifica. Come già anticipato, però, non sono mancate le polemiche in sala stampa, con mister Longo che, alquanto stizzito, a fine gara ha così commentato la vittoria e la vetta riconquistata, descrivendo le sensazioni che la sua squadra ha per questo primato. “Penso che questo campionato possa essere paragonabile a un gran premio di motociclismo, la scorsa settimana eravamo stati sorpassati da due piloti importantissimi, ma noi facciamo parte di questo plotone secondo me. Siamo stati bravi a risorpassarli subito alla prima occasione, ma questo trend ci sarà almeno fino a quando non saranno stati giocati
gli scontri diretti, e solo alla fine del girone d’andata questo campionato potrà dire qualcosa di più concreto, ma l’equilibrio c’è”. Quando gli chiedono se il gioco possa essere migliore Longo, infastidito, commenta: “Sicuramente la Cavese non sciorina un calcio eccezionale, ma la nostra è una squadra redditizia, in casa prende pochissimi gol, prende pochissimi tiri, marca a zona sui calci d’angolo, e purtroppo questo non è mai esaltato. L'obiettivo che ci dobbiamo porre è vincere, anche senza pensare all'estetismo. Anche se la qualità del gioco può essere migliore, secondo me è il pregiudizio che mi fa male. La critica è giusta, ma il pregiudizio non è una bella cosa”. 

Simone D'Anna, esterno alto aquilotto
Con soddisfazione, ma con un sottile velo di polemica, anche il commento di Simone D’Anna, l'esterno avanzato degli aquilotti che ha segnato il suo primo gol in casa in una partita che era assolutamente da vincere: “E’ sempre una grande gioia segnare al Lamberti e sentire il boato della gente, e siccome il gol è servito alla nostra vittoria è meglio. Non credo che abbiamo sofferto con la Vigor, non ho visto nessun tiro in porta pericoloso da parte loro: abbiamo sbloccato la partita subito, abbiamo sempre controllato noi la situazione – dice D’Anna -  ma siccome vedo che c’è sempre scetticismo intorno alla squadra, io dico che guardo sempre il risultato. Chi temiamo delle inseguitrici? Io credo che lì ci siano tutte squadre ottime, formate da grossi giocatori, ma se continueremo a fare il nostro lavoro e a vincere come abbiamo fatto oggi, non credo che debbano esserci problemi”.

Marco Giannattasio, centrocampista aquilotto

È di Marco Giannattasio il gol che ha permesso alla Cavese di chiudere sul 3-0 con la Vigor, anche se il calciatore riconosce che qualche situazione poteva essere gestibile in fase di possesso palla, per cui più obiettivo il suo commento: “Non è sempre facile gestire il pallone, giochi sempre contro undici giocatori, però non è che abbiamo sofferto tanto. La mia posizione? Di questo ho parlato col mister, e io preferisco giocare interno a sinistra. Ho anche giocato davanti alla difesa, come interno destro, anche nel centrocampo a due, ma quello di mezzala è il ruolo che gradisco. Al Lamberti è chiaro che abbiamo fatto sempre punti, ma fuori casa ci servirebbe qualche risultato pieno, comunque hai sempre l’altra squadra di fronte. Questo primato ci deve dare forza e dobbiamo continuare fino alla fine”.


Tra polemiche e sorrisi di circostanza cala il sipario sul “Lamberti”, la Cavese contro la Vigor Lamezia ha incamerato i tre punti della posta inpalio e con moderazione si gode la leadership riconquistata, ma con la mente è già proiettata al prossimo turno di campionato: domenica prossima la Cavese incontrerà sul proprio cammino un’altra calabrese. Gli aquilotti di mister Longo, infatti, nel prossimo turno saranno impegnati in trasferta contro il Rende. Ora è vietato sbagliare!

Paola Arena

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre