Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

Cavese, aquilotti sconfitti a Piraino: con un netto 2-0 il Due Torri riporta gli aquilotti sulla terra

Prova incolore dei metelliani, che nella ripresa abdicano a favore dei siciliani grazie ad un uno-due micidiale - I goal di Giacobbe e  di Pitarressi su rigore decidono il match: D'Ancora espulso per gioco scorretto




Mercoledì, 15 ott 2015

Emilio Longo, trainer Cavese
CAVA DE’ TIRRENI – (servizio di Aniello Bisogno) – Il Due Torri come il Gragnano: la compagine di Piraino fa la Cavese ed umilia la truppa di mister Longo, che torna a casa con due goal sul groppone e ridimensionata nelle ambizioni. Sul terreno dello stadio “Errico Vasi” di Piraino, la Cavese, che noi abbiamo sempre definito come una “Ferrari” per l’organico che si ritrova, non ha mai dato l’impressione di essere la squadra leader del girone. Abulica, a tratti irritante e priva di idee, non ha mai impensierito la retroguardia ospite capitolando nella ripresa, ma perdendo anche testa e credibilità con l’espulsione di D’Ancora, contro una formazione per sei undicesimi composta da under. Il Due Torri vince meritatamente per due reti a zero al di là di qualche errore arbitrale che, a nostro avviso, è stato ininfluente ai fini dell’esito finale della gara. Come più volte detto anche nelle precedenti gare (fatta eccezione per la Gelbison che non è squadra trascendentale), la Cavese a tutt’oggi ancora non ha convinto. 

LA CRONACA Nel primo tempo la gara scivola via a ritmi bassi e scialba d’iniziative. Fatta eccezione per un tentativo di De Rosa nel 1° minuto di gioco, il capitano si porta al tiro dal vertice sinistro appena dentro l’area ma la palla esce di poco sul fondo, e di un paio di sterili tentativi del Due Torri intorno al 20°, la gara giunge al termine della prima frazione di gioco senza emozioni anche se abbiamo registrato una leggera supremazia territoriale dei padroni di casa. Nel secondo tempo, invece, i metelliani non riescono a trovare il bandolo della matassa e si smarriscono man mano che passano i minuti, mentre il Due Torri, rientrato dallo spogliatoio più convinto delle proprie forze, si veste da Cavese e con cinismo punisce i blu foncé con un uno due micidiale. Intorno al ventesimo, infatti, i padroni di casa bucano la rete aquilotta. Il cronometro segna il 60° quando Cicerelli commette un errore a centro campo e perde palla, il Due Torri ne approfitta e in contropiede va in goal con Giacobbe che fa 1-0. La Cavese va in tilt e dopo pochi minuti, al 64°, rimane in dieci per l’espulsione di D’Ancora, reo di un fallo di frustrazione, quindi punito col rosso per gioco scorretto. La gara è ormai compromessa e la Cavese capitola definitivamente al 66°: Maraucci
commette un’altra ingenuità facendo fallo di mano in area. Il sig. Pedretti comanda un calcio di rigore che Pitarresi dagli undici metri trasforma per il 2-0, che sarà poi il punteggio finale. Vani i tentativi dei metelliani per riagguantare un improbabile pareggio, i padroni di casa amministrano e difendono bene il doppio vantaggio e portano a casa un importante successo. Dopo quattro minuti di recupero l’arbitro mette fine alle ostilità. Il Due Torri gioisce per la prestigiosa vittoria ottenuta a discapito del più blasonato avversario: la Cavese, invece, fa ritorno a casa bastonata e consapevole (almeno si spera), che questa non è la strada giusta per conquistare la vittoria finale del torneo. Domenica prossima è ancora derby contro l’Aversa Normanna. Il traguardo per accedere direttamente alla lega pro è ancora lungo, ma la Cavese, se è vero che vuole vincere il campionato con la promozione diretta come più volte l’entourage ha affermato, deve cambiare rotta. Domenica al “Lamberti” nel derby contro i normanni è davvero vietato sbagliare: vincere, e possibilmente convincere, è l’unico obbiettivo possibile per gli aquilotti!


Nello Bisogno

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre