Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

Cavese,il comunicato stampa di mister Agovino in risposta alle accuse di Monorchio e Vertolomo

DICHIARAZIONI DEL MISTER AGOVINO IN MERITO AI FATTI DI DOMENICA

Il sottoscritto avv. Massimiliano Di Matteo, in nome e per conto del mister Agovino Massimo, in merito ai fatti di domenica 22.02. così come riportati sugli organi di stampa locali e nazionali tiene a precisare che: “La scelta di schierare i calciatori De Rosa e Manzo, il primo capitano - bandiera e capocannoniere della squadra l’altro difensore con il più alto rendimento in organico, è dettata esclusivamente da motivi tecnici. Il messaggio inviatomi dal geom. Giovanni Monorchio, presidente dell’USD Cavese, a pochi minuti prima dell’inizio della gara tra Gelbison e Cavese durante la fase di riscaldamento degli stessi calciatori, in cui mi chiedeva di non schierarli, è stato da me interpretato come una volontà personale del Presidente non suffragata da quei motivi gravi sbandierati successivamente sui quotidiani e per i quali il sottoscritto doveva immediatamente esserne portato a conoscenza. Ci tengo a ribadire con fermezza la mia totale estraneità da quanto riportato da siti e dai quotidiani nelle ore successive alla partita, e come mia consuetudine da quando alleno in questo mondo, oltre 15 anni, non ha mai accettato influenze esterne nella scelta degli undici calciatori
da schierare in campo, pagando a volte la mia coerenza con licenziamenti anticipati senza valida motivazione. Il sottoscritto, nonostante i due mesi e mezzo senza retribuzione, rimarrà al suo posto svolgendo il proprio ruolo con la serietà e la tenacia che lo contraddistingue solo ed esclusivamente nel rispetto dei calciatori sui quali ha e dai quali riceve piena fiducia e per la tifoseria che mi è stata sempre vicina anche nei momenti difficili”. Il tecnico Agovino, contestualmente si riserva di agire per le vie legali a difesa anche della sua dignità e reputazione restando a completa disposizione degli organi di giustizia sportiva nel caso in cui lo ritenesse opportuno per eventuali spiegazione in merito.

Cava de’ Tirreni, 26.02.2015

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre