Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

Cavese, l'Agropoli cala il tris: 3-1 e aquilotti fuori dalla Coppa Italia

I cilentani passano in vantaggio sul finire del primo tempo e dilagano nella ripresa - Di Ausiello, su rigore, il gol della bandiera per i metelliani




Domenica, 31 ago 2014
servizio di N. Bisogno

CAVA DE' TIRRENI - L'Agropoli di mister Pirozzi fa tornare coi piedi a terra gli aquilotti di mister Agovino. Netto il divario tecnico fra le due formazioni. Squadra di spessore, quella cilentana, rafforzatasi ulteriormente nella campagna acquisti estiva e candidata alla vittoria finale del campionato nel proprio girone. Giovane, ancora incompleta e in fase di rodaggio quella metelliana, anche oggi orfana di capitan De Rosa, anima e cuore della squadra metelliana. Al "Guariglia" d' Agropoli ne vien fuori una gara a senso unico con la Cavese che regge fin quando resta in undici, capitolando sul finire della prima frazione dopo l'espulsione di Manzo. Netta la vittoria dei cilentani, che avanzano in Coppa Italia. Un 3-1 che ha messo in evidenza le lacune dei biancoblù, soprattutto in difesa come lo stesso mister Agovino sottolinea a fine gara, ma anche a centrocampo e in attacco. L'unico a salvarsi nel naufragio del "Guariglia" è Luigi Palumbo, gladiatore

indomabile che ha lottato fino al 92° e risultando al termine della contesa il migliore in campo per i metelliani.  A voler trovare un'attenuante, però, la Cavese di mister Agovino ha dalla sua quella di un ritardo di preparazione di almeno 20 giorni e di una rosa ancora in fase sperimentale. C'è ancora tanto da lavorare per la Cavese, ma quella del "Guariglia" è una sconfitta che non fa una grinza e riporta coi piedi per terra coloro che già nutrivano, soprattutto tra la tifoseria, sogni di gloria; l'obbiettivo della Cavese resta quello della salvezza in campionato. Domenica prossima si fa sul serio: per la prima giornata del torneo al "Lamberti" arriva il Manfredonia e partire col piede giusto è indispensabile. Grinta, cuore e tanta umiltà dovranno essere le armi vincenti per azzerare al più presto il gap del -5 in classifica.


 LA CRONACA e IL TABELLINO

Agropoli subito pericoloso nella prima frazione di gioco. Al 2° minuto affondo sulla destra di Ragosta che crossa per Tiscione, appostato sulla fascia opposta, che rimette pericolosamente alcentro; Manzo salva e sventa la minaccia. Passano pochi minuti e Capozzoli al 4° minuto serve Ragosta che di testa manca di poco il bersaglio. Nei minuti che seguono l'Agropoli ci prova in più di una circostanza con il duo Ragosta-Tiscione; all'8°, al 10° e all'11°. La Cavese prova a rendersi pericolosa al 13°: Siciliano batte un calcio di punizione dal limite, Maiellaro esce a vuoto e Marzullo in scivolata mette la palla al lato. Al 15° è ancora l'Agropoli che va vicino al goal: Tiscione dopo un numero in un'azione personale calcia sull'esterno della rete. La Cavese prova ad alleggerire la manovra e al 21° ci prova con una punizione di Marzullo calciata direttamente sul portiere. Si va avanti con l'Agropoli padrone della situazione, ma al 40° l'episodio chiave della partita. Manzo, gia ammonito, commette fallo al limite della propria area e viene espulso per doppia ammonizione. Il calcio di punizione tirato da Tarallo finisce alto sulla traversa. Passano due minuti e l'Agropoli va in vantaggio. Al 44° Landolfi, con una rimessa laterale lunga, lancia in area la sfera che, dopo alcuni rimpalli, finisce ad Alfano che da pochi passi insacca per l' 1 a 0. In pieno recupero Castaldi solo in area fallisce il goal del raddoppio. Dopo 2 minuti di recupero l'arbitro dichiara conclusa la prima frazione di gioco.

Nella ripresa la Cavese prova a rendersi pericolosa nei primissimi minuti, ma l'Agropoli fa le prove del raddoppio e si porta al tiro con Capozzoli al 49°,la palla finisce fuori. Passano tre minuti e i cilentani piazzano il colpo del ko. Al 52° svarione di Giordano in difesa, Capozzoli serve Tarallo che mette nel sacco la palla del 2-0. La Cavese potrebbe accorciare le distanze un minuto dopo. Al 53° batte un calcio d'angolo, in area raccoglie Varchetta che va al tiro, ma Tarallo salva sulla linea di porta. Al 64° è Della Corte, per la Cavese, che sciupa l'occasione per accorciare. Dopo un'azione di Palumbo sulla destra si ritrova sui piedi una palla invitante che però calcia male. Al 70° arriva la terza rete per l'Agropoli. Rinaldi perde palla a centrocampo, Tiscione ruba la sfera e s'invola verso l'area aquilotta, una volta al limite con un tiro preciso insacca nel sette alla destra di Napoli; 3-0.La  Cavese ormai è in ginocchio. Ragosta, oggi davvero scatenato, cerca di arrotondare il punteggio in più di un'occasione, ma per fortuna della Cavese non riesce a centrare il bersaglio. Come nel primo tempo si va verso la fine con l'Agropoli che affonda ancora i colpi sfiorando la rete in più di un'occasione, ma all'85° arriva il goal della bandiera per la Cavese. Ausiello viene atterrato in area, l'arbitro concede il calcio di rigore che dagli 11 metri trasforma lo stesso Ausiello. La gara sembra finita ma c'è ancora tempo per procurare altri brividi alla retroguardia aquilotta. Ragosta, oggi davvero indemoniato, ci prova  al 90° con un tiro che finisce di poco fuori e al 92° con un tiro da distanza ravvicinata in area, ma Napoli respinge in angolo e gli nega la gioia del goal. Non c'è tempo per battere il tiro dalla bandierina, il signor Vigile di Cosenza dice che può bastare e manda tutti sotto la doccia. 

Nello Bisogno





IL TABELLINO di Agropoli-Cavese 3-1
AGROPOLI (4-3-3): Maiellaro; Amendola, Capozzoli (82' D'Avella), G. Scognamiglio, Landolfi; Giraldi (75' V. Scognamiglio), Alfano, Castaldi; Ragosta, Tarallo (73' Ficarrotta), Tiscione. A disp. De Luca, Staiano, Napoli, Cascone, Siano, Esposito. All. Pirozzi
CAVESE (4-3-3): Napoli; Petti, Varchetta, Manzo, Sorrentino (31' Capaldo) ; Della Corte, Siciliano (43' A.Giordano), Ausiello; D'Avanzo, Marzullo (68' Rinaldi), Palumbo. A disp. Salsano, Severino, Statella, Bocchino, Pisapia, D. Giordano. All. Agovino.
Arbitro: Vigile di Cosenza 

Reti: 44' pt Alfano (A), 52' Tarallo (A), 70' Tiscione (A); 85' Ausiello (C) su rigore.

Note: Giornata di sole e terreno in discrete condizioni. Spettatori locali 700 circa; trasferta vietata per i tifosi ospiti. Espulsi: Manzo (C) per doppia ammonizione. Recupero: 2' pt, 2' st

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre