Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

CAVESE, aquilotti corsari al "Palatucci": 1-2 in rimonta al Noto

Netini in vantaggio per prima con Conti su rigore, Manzi e Contino decidono il match

Mister Chietti: "Stiamo cercando di fare la nostra parte e dobbiamo farla con grande dignità e grande attaccamento alla maglia, anche per i tifosi che ci seguono a mille chilometri da casa". 



Lunedì, 31 mar 2014


CAVA DE’ TIRRENI - Successo inaspettato alla vigilia, ma la Cavese l'ha ottenuto con merito. A piegarsi allo stadio Palatucci il Noto di mister Betta, che è apparso meno brillante rispetto ad altre occasioni, ma la Cavese giunge a 48 punti in classifica e per questo può permettersi di guardare più in su, forte di una ritrovata grinta e di una reazione convinta in campo alle difficoltà societarie degli ultimi tempi. Molte di più le ingenuità dei siciliani, che sono rimasti in dieci per l'espulsione diretta di Conti e hanno smarrito strada perdendo la propria identità. 


LA CRONACA e IL TABELLINO - Passano appena 6 minuti e i metelliani cominciano a fare gioco: De Rosa mette a sedere Sgambato e crossa, ma la palla esce a fondocampo. Al 10' Cerchia anziché tirare in porta decide di servire Lordi che si inserisce e mette in mezzo un pallone che va fuori. Al 13' l'episodio del rigore a favore del Noto: contatto Cerchia-Mandarano che l'arbitro Rognoni giudica irregolare. Dagli undici metri
trasforma Conti, ex di turno, che esulta. Sotto di un gol i biancoblù rischiano di nuovo al 16' con un'azione pericolosa di Intelisano che sceglie il servizio corto per Mandarano che tenta un pallonetto, ma la sfera si perde alta tra la disperazione dei suoi. Al 22' il pareggio della Cavese: punizione di De Rosa, colpo di testa di Luigi Palumbo e miracolo di Ferla, interviene poi Manzi che tocca per ultimo il pallone che va in porta. Sull'uno a uno i metelliani si galvanizzano e al 27' arriva un episodio chiave: Luigi Palumbo non tira e sceglie di servire Russo che tira e trova pronto Ferla, poi sulla ripartenza Palumbo recupera fallosamente su Conti che lo spinge, andando a prendersi il cartellino rosso. In dieci il Noto si raccoglie all'apparenza molto bene, ma fa fatica a ripartire e De Luca non compie interventi determinanti: in apertura ripresa meglio la Cavese, con De Rosa che dopo pochi minuti impegna Ferla su una punizione, ma il portiere nulla può quando al 56' Contino, servito in area netina da Lamberti, schiaccia il pallone del 2-1 per la gioia dei pochi tifosi metelliani presenti a Noto. I cambi di Betta rendono il Noto ancora più spavaldo e meno ordinato, così è sempre la squadra di Chietti a proporsi pericolosamente al tiro: al 76' De Rosa in pallonetto non trova la porta, poi all'84' e al 91' lo stesso De Rosa costringe Ferla a due miracoli. Dopo tre minuti di recupero il direttore i gara manda tutti sotto a doccia, con la Cavese che rientra a Cava con 3 punti meritati.

IL TABELLINO

NOTO (4-3-2-1): Ferla; Sgambato, Cassese (68' Corsino), Oliveri, Intelisano; Buscema (51' D'Angelo), Koné, Conti; Sako (56' Ciccone), de Souza; Mandarano. A disposizione: Scaffia, Montalto, Esposito, Scapellato e Mele. Allenatore: Giancarlo Betta.

CAVESE (4-3-3): De Luca; Lamberti, Parisi, Manzi, Cirillo; Lordi, Cerchia, Russo (58' Raffone); Luigi Palumbo (61' Cosmo Palumbo), Contino (75' Romano), De Rosa. A disposizione: Capozzi, Mazzei, Renna, Silvestro, Luciano e Pisani. Allenatore: Francesco Chietti.
Arbitro: Rognoni di Arco-Riva.

RETI: 14' rigore Conti (N), 22' Manzi (C), 56' Contino (C).

NOTE: clima sereno. Campo in condizioni imperfette. Spettatori circa 300 con rappresentanza di una sessantina di tifosi cavesi. Ammoniti Sgambato, Koné, Ferla e Ciccone (N), e Cirillo, Lordi e Luigi Palumbo. Espulso al 28' Conti (N) per scorrettezza a gioco fermo. Allontanato al 73' l'allenatore del Noto Betta per proteste. Corner 4-1 per la Cavese.




Aniello Bisogno

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre