Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

CAVESE, beffata al 94°: Pareggio pirotecnico contro il Savoia, 3-3 il finale

Apre le marcature Cosmo Palumbo con un eurogol al 39° -  Raddoppia di Pisani al 1° del secondo tempo e Contino arrotonda al 51° - Il Savoia accorcia all'80° con Scarpa, su rigore, che radoppia all'87° firmando una doppietta;  Petricciuolo pareggia i conti con un goal beffa al 94°



Domenica, 16 feb 2014

CAVA DE' TIRRENI - Al "Lamberti" andava in scena il big match Cavese-Savoia, incontro clou della 23^ giornata del girone I di serie D, un derby storico che si prospettava ricco di goal e spettacolo. Non è stata spettacolare, dal punto di vista tecnico, la gara,  ma di certo non sono mancati goal ed emozioni. Alla fine la contesa si è conclusa con un pirotecnico 3-3. Un risultato di parità che soddisfa il Savoia, che riacciuffa per i capelli un risultato ormai compromesso e mantiene invariata la distanza dall'Akragas, un pò meno la Cavese che, in vantaggio di 3 reti fino a 10 minuti dalla fine, si è vista raggiungere all'ultimo secondo dell'extra time dagli oplontini, quindi beffata al 94°. Nell'arena del "Lamberti", si affrontavano la prima e la terza della classe, due compagini che con la partita odierna hanno dimostrato di essere le vere protagoniste del girone, soprattutto la Cavese, che oggi ha dimostrato di essere la "reale" seconda forza del torneo. Per circa 70 minuti, infatti,  la Cavese ha tenuto testa alla super quotata capolista, dimostrando di non essergli inferiore. Solo la sfortuna dei metellini, e il goal della domenica indovinato da Petricciulo a 10 secondi dalla fine, ha evitato agli oplontini di capitolare a danno di una Cavese che, come già accaduto all'andata, ha dimostrato sul campo di essere più forte del Savoia, salvando, così,  faccia e risultato. Domenica prossima al "Lamberti" arriva l'Hinterreggio e questa Cavese, ogni domenica sempre più sorprendente, certamente non fallirà l'obbiettivo. La marcia play off continua!


LA CRONACA e IL TABELLINO 


Mister Chietti si affida al consueto 4-2-3-1, schierando il trio C. Palumbo-De Rosa-Pisani a supporto di Contino, ed affida a Lamberti e Cerchia il centrocampo. In difesa conferma il quartetto Manna-Manzi-Parisi-Montagna, che ben si è comportato nelle utime partite. Mister Feola risponde con un 4-3-3 schierando in avanti il tridente Tiscione, Scarpa, Del Sorbo. Ne vien fuori una gara combattuta e, anche se non spettacolare dal punto di vista delle giocate, mai noiosa e caratterizzata da grandi emozioni.

Nel primo tempo parte bene il Savoia, che per i primi 20 minuti di gioco fa lei la partita, ma una volta preso le contromisure la Cavese fa vedere subito agli
avversari di che pasta e composta. Il Savoia si porta per prima alla conclusione con Terracciano al 4°, che su punizione impegna De Luca che devia in angolo la palla. Al 12° è ancora il Savoia, sempre con un calcio piazzato, a rendersi pericoloso con Stendardo, che alza sulla traversa il cross su punzione di Tiscione. Passano circa 20 minuti in cui sono i torresi a fare la partita, ma la Cavese prende le misure agli oplontini e incomincia a macinare gioco. Tuttavia, sono ancora gli ospiti che provano a rendersi pericolosi con Tiscione al 23°, Manzi rimedia respingendo la palla che carambola sullo stesso Tiscione e finisce sul fondo. La prima vera palla goal della partita, però,  è della Cavese, che si porta pericolosamente al tiro al 26°: Montagna dalla sinistra crossa al centro per Pisani, che di testa sfiora la traversa mancando il goal di un niente. Il Savoia replica al 30° approfittando di uno svarione di Manzi, che serve Scarpa che da buona posizione calcia fra le braccia di De Luca.  La Cavese, ormai salita in cattedra, prova a rendersi pericolosa con il suo uomo migliore, capitan De Rosa, che al 31° si porta al tiro che però risulta debole e di facile presa per Maiellaro. Passano pochi minuti e la Cavese al 38° fa le prove generali al goal: De Rosa batte un calcio d'angolo per Pisani, che mana la rete di un soffio on la palla che fa la barba al palo. Il gol è nell'aria e arriva un minuto dopo con un eurogol di Cosmo Palumbo. Al 39° la Cavese si porta in attacco con Contino che subisce fallo al limite dell'area, nell'azione il calciatore torrese che ha commesso il fallo rimane momentaneamente a terra, la palla nel frattempo finisce a C. Palumbo che da circa 30 mt scaglia un siluro che s'insacca nel sette alle spalle di Maiellaro; 1-0 per la Cavese e tifosi biancoblù in festa. Il Savoia si riaffaccia dalle parti di De Luca al 44° con Scarpa, che dopo uno slalom fra gli avversari entra in area e calcia, ma la difesa mettelliana fa buona guardia e mette in angolo. Dopo 2 minuti di recupero il sig. Massimi di Termoli mnda tutti al riposo.

Nella ripresa accade quello che molti non si aspettano e la Cavese, con un uno-due micidiale, mette ko il Savoia che probabilmente è ancora negli spogliatoi con la testa. Il cronometro segna il primo giro di lancette, quando dopo appena una trentina di secondi la Cavese raddoppia. Uno scatenato capitan De Rosa s'invola sulla sinistra che, una volta sul fondo, crossa  al centro la palla, dove trova pronto Pisani che brucia sul tempo l'avversario e insacca per il 2-0; tripudio in campo e sugli spalti. La Cavese, sulle ali dell'entusiasmo e sospinta dai propri tifosi, pigia il piede sull'accelleratore e mette alle corde il Savoia, che non riesce ad arginare la furia metelliana e soprattutto di capitan De Rosa. Passa appena un minuto e al 47° il capitano aquilottto s'invola nuovamente sulla sinistra e una volta in area calcia un diagonale che esce di poco fuori sfiorando il palo alla sinistra di Maiellaro. Il Savoia si rivede al 49° con Tiscione che calcia fuori bersaglio un assist di Scarpa. La squadra di mister Feola appare frastornata e gli aquilotti affondano i colpi in cerca del terzo goal, che arriva puntuale di li a poco. Corre il 51°, quando uno scatenato capitan De Rosa se ne va ancora una volta sulla sinistra e quasi all'altezza della bandierina crossa al centro per Contino che insacca per il 3-0; Cavese in trionfo e pubblico in delirio, la capolista cade sotto i colpi degli aquilotti. La Cavese potrebbe chiudere definitivamente i conti al 51° con Contino che, servito ancora una volta da un' indemoniato capitan De Rosa, sotto porta si mangia un goal gia fatto. Scarpa, per il Savoia, prova ad alleggerire la pressione al 60° con un tiro che finisce fuori. Gli oplontini sono letteralmente in balia degli aquilotti, che si portano ancora al tiro al 65°, manco a dirlo, con capitan De Rosa, che dopo una galoppata sulla sinistra si accentra e tira, ma la palla finisce fuori. Il Savoia potrebbe ccorciare al 67° con Meloni che, servito da Scarpa, da buona posizione spara alto. La Cavese ha speso tanto e la stanchezza comincia a sentirsi, gli oplontini ne approfittano e si portano in avanti in cerca di un goal che potrebbe riaprire la partita. Ci provano al 77°,  ma è bravo De Luca che smanaccia sventando il pericolo. Quando meno te l'aspetti arriva il goal della speranza per i torresi, che iniziano a credere nella rimonta. Al 79° Cirillo, subentrato a Manna che ben si era comportato, commette la frittata. Tiscione entra in area e una volta saltato l'uomo costringe il terzino aquilotto al fallo; il direttore di gara senza esitazioni indica il dischetto del rigore. Dagli 11 metri Scarpa trasforma il penalty ed accorcia le distanze. Sono minuti di ordinaria follia per gli aquilotti che, dopo aver perso Lamberti, Manna e C. Palumbo per probblemi fisici, perdono anche L. Palumbo che s'infortuna dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo e non puo essere sostituito perchè mistr Chietti ha già esaurito  cambi. Il Savoia accorcia all'87° ancora una volta con Scarpa, che servito da Tiscione firma la sua doppietta personale; 3-2 e ora i torresi ci credono. La Cavese stringe i denti e arriva alla fine ancora in vantaggio sull'avversario Il sig. Massimi di Termoli concede 4 minuti di recupero e proprio negli ultimi 10 secondi dell'extra time i biancoscudati pareggiano. Il cronometro segna il 94° quando il mediocre direttore di gara inverte un fallo laterale, dal quale scaturisce il goal oplontino. Dopo la battuta del laterale, Pietracciuolo da circa 40 mt effettua un cross in area che, nell'incredulità generale, s'insacca all'incrocio dei pali beffando De Luca e la Cavese; 3-3 e palla al centro, ma non c'è tempo per battere. Il sig. Massimi di Termoli decide che può bastare e manda tutti sotto la doccia. Finisce 3-3 fra la rabbia e l'amarezza generale, ma oggi al "Lamberti" la CAPOLISTA era la Cavese!

Nello Bisogno

 IL TABELLINO

CAVESE: (4-2-3-1) De Luca 6; Manna 6,5 (61° Cirillo 5), Manzi 6, Parisi 6,5, Montagna 6,5; Cerchia 5,5, Lamberti 6 (50° Raffone 5); C.Palumbo 6,5 (70° L. Palumbo sv), De Rosa 7,5; Pisani 6,5; Contino 6: A disp.: D'Amico, Cirillo, Mazzei, Silvestro, Renna, L. Palumbo, Raffone, Lordi, Viviano; Allenatore Francesco Chietti 6,5


Savoia: (4-3-3) Maiellaro;
Petricciuolo, Panariello, Stendardo, Terracciano; De Liguori (54° Meloni), Gargiulo, Di Pietro (74° Ruscio); Tiscione, Scarpa, Del Sorbo; A Disp.: Rinaldi, Criscuolo, Manzo, Ruscio, Bizzarro, Arpino, Carotenuto, Esposito G.; Allenatore Vincenzo Feola 6

Arbitro: Sig. Luca Massimi di Termoli

Marcatori: 39° C. Palumbo, 46° st Pisani, 51° Contino (C) - 80° (rig.) e 87° Scarpa, 94° Petricciuolo (S)

Note: Cielo sereno con clima mite, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori: circa 2000 tifosi biancoblù presenti sugli spalti; assenti i tifosi oplontini, ai quali è stata vietata la trasferta. Ammonizioni: Montagna, Manzi, Cirillo (C), Meloni (S) - Espulsioni: al 40° espulso, dalla panchina, Carotenuto per proteste; Angoli: 5-5; Recuperi:  2'pt - 4'st

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre