Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

CAVESE, solo un pari contro il C.di Messina: al "Lamberti" finisce 3-3 .

Aquilotti costretti a rincorrere il risultato due volte, la Cavese non sa più vincere: una doppietta del nuovo arrivato Contino e un gol di C. Palumbo pareggiano le sorti dell'incontro - Al 92° mister Chietti espulso per proteste  - VIDEO: Sintesi e interviste post partita  




Domenica, 15 dic 2013

CAVA DE' TIRRENI: Continua la striscia poco felice della Cavese che anche oggi, con una prova incolore e poco brillante, davanti al proprio pubblico non va oltre il pareggio. Una gara, per la Cavese, sicuramente anche condizionata da alcune assenze, ma i peloritani di mister Panarello,  più determinati e meglio messi in campo dal punto di vista tattico, conquistano un pareggio che sta più stretto a loro dato che, soprattutto nella prima frazione di gioco, oltre i due goal segnati sono andati più volte vicino alla marcatura. Nonostante il buon esordio di Contino, autore di una doppietta, la Cavese non riesce ad incamerare i tre punti evidenziando, in modo palese, anche oggi i limiti che affliggono centrocampo e difesa, reparti che si sono ulteriormente indeboliti con le partenze, le squalifiche ed i vari infortuni degli ultimi tempi. La coperta è corta, come lo stesso mister Chietti afferma in sala stampa, ma a furia di tirare diventa sempre più corta. E il calcio mercato di riparazione è in dirittura d'arrivo, martedì chiude! Tornando alla 16^ del "Lamberti", quello di oggi è un pareggio che ridimensiona ulteriormente le ambizioni degli aquilotti, che scivolano al quinto posto in classifica mettendo in discussione anche il piazzamento play off.

LA CRONACA
Chi si aspettava che la Cavese facesse di un sol boccone il C.d.Messina si sbagliava e presto viene smentito dalla partenza sprint e dalla determinazione dei peloritani, giunti a Cava per fare bottino pieno o quantomeno un risultato positivo. Mister Chietti deve rinunciare agli squalificati Parisi e Raffone, oltre che a Rinaldi, Luciano e Kabangu per infortunio. Ridisegna la difesa affidando a Viviano il compito di fiancheggiare Ciro Manzi, optando per il giovane Sergio a centrocampo al fianco di Lordi, mossa che si rivela improduttiva data la giornata poco felice dei tre; in avanti il trio C:Palumbo, De Rosa e Pisani a supporto del nuovo arrivato Contino al quale spetta, insieme al capitano, la palma del migliore in campo per i metelliani, se non altro per la doppietta messa a segno. Poco felice anche la prestazione di  Pisani e C. Palumbo,  quest'ultimo non in perfette condizioni di salute tant'è che in settimana si è allenato poco (o niente) partecipando solo alla rifinitura, ma proprio per questo e per il bel gol messo a segno che è valso il pareggio ha meritato la sufficienza. Mister Panarello, all'esordio sulla panchina del C.d.Messina dopo l'esonero di Di Maria, deve anch'egli rinunciare a due attaccanti, Parachì e Bruno per squalifica, e a Portovenero infortunato, ma i sostituti non fanno rimpiangere gli assenti.

Nel primo tempo sono subito gli ospiti a rendersi pericolosi; al primo giro di lancette i giallorossi battono un calcio di punizione dal limite con Nastasi che colpisce il palo alla destra di De Luca, poi la difesa metelliana


rimedia in angolo. Passano pochi minuti e all'8° i peloritani si rendono ancora pericolosi con Seck che, servito da un assist di Cappello, colpisce la sfera che con un effetto strano finisce sul palo interno, alla sinistra di De Luca, che poi carambola fuori e viene messo definitivamente in angolo. Il Città di Messina ci crede ed insiste, andando al tiro due minuti dopo, al 10°, con Munafò che viene servito da Vella. La Cavese, in netta difficoltà a centrocampo e con la difesa spesso in affanno, non riesce prendere le misure ai giallorossi, che di li a poco passano in vantaggio. Corre il 18° quando Vella batte un calcio di punizione sulla destra d'attacco, lo spiovente in area viene raccolto da Manfrè che tenta la deviazione con un colpo di tacco, la palla finisce sul braccio di Contino e l'arbitro considera falloso l'intervento concedendo, così, il calcio di rigore che Camarda dagli 11 metri  trasforma; 0-1 e partita in salita per gli aquilotti. I biancoblù si affacciano in area peloritana intorno alla mezz'ora e al 31° pareggiano i conti. De Rosa recupera una palla sulla destra e una volta sul fondo crossa al centro per Contino che di testa insacca alle spalle di Fazzino; 1-1 e tutto da rifare. I giallorossi subito il gol del pareggio non demordono e al 34° colpiscono ancora una volta il legno con Nastasi su azione da calcio d'angolo. Passano due minuti e al 36° il C.d.Messina va ancora vicino al gol con Cammarano che, su calcio di punizione battuto da Camarda, di testa colpisce la sfera a botta sicura, ma trova pronto De Luca che d'istinto respinge e sventa la minaccia. Scampato il pericolo la Cavese si riporta in attacco e al 39° mette a segno il goal del sorpasso: De Rosa batte un calcio d'angolo dalla bandierina con un lungo cross in area, dalle retrovie sbuca Contino che di testa insacca per il 2-1 firmando la prima doppietta in maglia blufoncè. Potrebbe essere il colpo del ko ma i giallorossi, superiori fino a quel momento, non si scoraggia e dopo appena tre minuti ristabiliscono il punteggio. Con una rapida azione di rimessa al 42° Vella brucia Manna in velocità e serve Manfrè che, eluso anche la guardia di Manzi, di tacco gira in porta la sfera del 2-2. Dopo due minuti di recupero il direttore di gara manda tutti al riposo col punteggio fermo sul risultato di parità.

Nella ripresa ci si aspetta il ritorno della Cavese ma i biancoblù, che nel frattempo devono rinunciare anche a Manzi per infortunio, non riescono a trovare il bandolo della matassa e subiscono il terzo gol dei giallorossi. Le lancette segnano il 52° quando Munafò, che trova impreparato Viviano, serve Buonamonte che con un pallonetto insacca per il 2-3. La Caves si trova ancora ad inseguire il risultato, ma al 56° è ancora il C.diMessina che va al tiro con Vella, uno dei migliori in campo per i giallorossi, con la sfera che finisce di poco a lato. Gli aquilotti sono in evidente difficoltà e mister Chietti si gioca le carte di L. Palumbo e Lamberti per acciuffare quantomeno il pareggio, evitando la seconda sconfitta consecutiva sul proprio terreno di gioco.  Il pareggio arriva al 70° con C. Palumbo che di prima intenzione, su una respinta corta della difesa ospite dopo un cross di De Rosa, insacca alle spalle di Fazzino. La Cavese, rianimata per il pari raggiunto, prova a beffare i giallorossi al 79° con L. Palumbo, che sotto porta per un soffio non arriva su un cross dalla destra di Sergio. Ci si avvia inesorabilmente verso la fine, senza che la Cavese riesca ad impensierire più di tanto la retroguardia ospite, che a sua volta fa annotare sui nostri taccuini ancora un'azione a loro favore. All'84°, infatti, il C.d.Messina in un azione di contropiede si rende pericolosa con Buonamonte, che viene anticipato in extremis da Piscopo. E' questa l'ultima azione di una gara che i giallorossi hanno sempre avuto in pugno. Dopo 4 minuti di recupero il direttore di gara manda tutti sotto la doccia con gli aquilotti che, per come s'era messa la partita, tutto sommato guadagnano un punto prezioso e con i messinesi che tornano a casa con un punto meritato contro la più blasonata Cavese, ma che al termine dei 90 minuti + recupero hanno di che rammaricarsi . La Cavese, che non vince da 5 partite, scende al quinto posto in classifica e viene sorpassata anche dal Torrecuso. Domenica prossima la Cavese si recherà in Sicilia per affrontare, nell'ultima gara del girone d'andata (che si spera vincente), il fanalino di coda Licata. 

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre