Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

CAVESE, (Ri)presentato mister Francesco Chietti - 7-2 nell' amichevole del Giovedì

Buon test amichevole, ieri pomeriggio, contro la Juniores di mister Matafora - Al termine la conferenza stampa per la presentazione del tecnico della salbezza





Venerdì, 30 agosto 2013


CAVA DE' TIRRENI - Prima amichevole della nuova stagione per mister Chietti e la sua (ri)presentazione ufficiale, alla stampa e al pubblico. Ieri pomeriggio al "Lamberti". Al secondo giorno del suo insediamento in panchina, infatti, davanti ad un nutrito numero di spettatori mister Chietti ha testato la Cavese con la prima amichevole della stagione contro la Juniores di mister Matafora, che si è conclusa col punteggio di 7-2 per gli aquilotti della prima squadra. Come suo solito mister Chietti ha mischiato le cartem provando a rotazione tutta la rosa a sua disposizione; Rinaldi, che per squalifica non giocherà domenica, Lamberti, e Desiderio hanno rinforzato le fila della Juniores, mentre Cosimo Palumbo è stato impiegato nel secondo tempo. La prima frazione di gioco si è conclusa col punteggio di 3-0 e sono andati a rete, in ordine cronologico, Magaddino, De Rosa e Borrelli. Nel secondo tempo, invce, per la Cavese hanno segnato Luciano, Palumbo, Pisani e Kabangu; di Esposito e De Grgorio (su calcio di rigore) le reti per la Juniores, che ha ben giocato contro la prima squadra.

Conclusosi il test amichevole la società metelliana ha ufficializzato , nella sala stampa "Raffaele Senatore" del "Lamberti", il ritorno di mister Chietti

sulla panchina biancoblù. Durante la Conferenza stampa il presidente Manna ha risposto alle domande dei giornalisti delucidando, dopo le pesanti accuse di mistr Agovino, quanto accaduto negli ultimi giorni,  ma anche su ciò che portò alla rottura, qualche mese fa, con mister Chietti, oggi richiamato sulla panchina della Cavese: "Ci ritroviamo qui con mister Chietti dopo alcuni mesi. Qualcuno potrà dirmi il perché non lo abbia riconfermato prima, ma a volte durante le pause si capiscono molte più cose e non tutti i mali vengono per nuocere. Può darsi che questi mesi abbiano fatto bene ad entrambi. Si sbaglia nella vita e nessuno è infallibile. 

Francesco lo sa bene, tra di noi ci sono state incomprensioni aziendali, senza snocciolarne i particolari. Avevamo tentato in tutti i modi di farlo ragionare in quest'ottica ma alla fine le strade si sono separate. La cosa importante però è sbagliare in buona fede. Comunque i rapporti tra di noi sono rimasti sempre buoni. Io penso che se lui fosse rimasto con qualche forzatura, a quest'ora forse parleremmo di un suo esonero. Il progetto va avanti e ripartiamo da quello che c'è e chi meglio di Francesco, che già conosce la piazza, poteva subentrargli avendo fatto bene, conoscendo buona parte del gruppo e godendo soprattutto della stima dei tifosi."

Alla domanda su Manna junior di come abbia preso la vicenda e se fosse stato il caso di cembiare aria e sulla motivazione vera e propria dell'uscita di scena di mister Agovino, invece, il presidente ha così risposto:

"La cosa tirata in ballo non è assolutamente vera; se mio figlio merita di giocare bene, altrimenti va in panchina o in tribuna. Se questo problema non c'è stato l'anno scorso a maggior ragione non ci sarebbe dovuto essere quest'anno. Io credo che mister Agovino debba dar conto a Dio di quanto dichiarato su me e mio figlio. Assolutamente non ho mai pensato di prendere la Cavese per far giocare mio figlio, o quantomeno se tengo l'azienda non lo metto a fare il ragioniere se non mastica numeri, sarei un cretino. Per me viene prima di tutto la Cavese, poi il resto". La motivazione vera e propria non la conosco, ma conoscendo il personaggio un' idea me la sono fatta, tant' è che la società Cavese Calcio lo ha solamente tesserato e non messo sotto contratto. Tutto ciò è dovuto a comportamenti strani. Dopo dieci giorni è venuto da noi a dirci che aveva una squadra fantasma, quando già c'era il 70% della squadra riconfermata dello scorso anno e già voleva abbandonare il discorso. 

Durante il ritiro lo ha abbandonato avendo avuto anche problemi con la squadra e con il capitano. Ad Agnone, ed erano in molti presenti, disse o me o il capitano. Abbiamo sempre cercato di far rientrare il tutto (il ds e De Rosa hanno ricucito poi lo strappo). La terza volta voleva abbandonarci prima della presentazione e prima della partita. Ogni Venerdì, ed il mister qua a fianco lo sa, in genere ci si sente o ci si vede per fare il punto della situazione per conoscere lo stato di forma dei calciatori, perchè essendo io la proprietà, mi sembra giusto sapere come stanno le cose. E per una semplice telefonata in cui chiedo chi gioca mi si accusa della formazione da schierare? Nonostante queste interviste di pessimo gusto su richiesta dei tifosi abbiamo cercato di ricucire questa cosa con Agovino e dato che io non avevo problemi con lui, ma semmai lui con me, abbiamo deciso di incontrarci. Doveva venire in azienda da me, ma lui non si è presentato. A quel punto cosa avremmo dovuto fare?

Entusiasta ed emozionato più della prima volta, invece, mister Chietti che si è detto consapevole della maggiore responsabilità, ma deciso a  migliorare quanto di buono fatto nello scorso campionato:

"In questo momento c'è bisogno di pensare al calcio giocato ed infatti sono mentalmente già proiettato in ottica campionato per la sfida con il Rende, afferma il mister. Anche se al momento ho giocatori che interpretano il 4-3-3, non è detto che questi non possano essere utilizzati per il 4-2-3-1. Ho avuto pochissimo tempo per vedere tutta la rosa a disposizione. Già Domenica al pronti via non avrò a disposizione Rinaldi squalificato, Palumbo con alcuni fastidi ed altri infortunati, quindi dovrò schierare una formazione possibilmente in forma sia fisica che mentale dopo queste vicissitudini. "

Questa mattina, intanto, gli aquilotti si alleneranno al campo sportivo di Pregiato a partire dalle 10:30 e sabato mattina svolgeranno la consueta seduta di rifinitura.

Nello Bisogno

Nessun commento:

Posta un commento

I più letti di sempre