Copyright © 2013 - Supplemento al Corriere del Pallone, Testata giornalistica Aut.Trib.di Napoli n° 5020 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n° 10907

Traduci contenuto sito - Translate Site Content

CAVESE: Presentato il nuovo tecnico Massimo Agovino - Raduno il 24 luglio e dal 29 ritiro a Morcone (Bn)

Ufficializzate le riconferme di De Rosa, Manzi e Lordi - In arrivo anche Marco Jovine, cavese doc ex Città de la Cava, prossimo all'ingaggio con i metelliani



CAVA DE' TIRRENI - Davanti ad un nutrito numero di tifosi è iniziata la prima avventura estiva per il presidente Manna e soci. Al Social Tennis Club di Cava de’ Tirreni si è tenuta, ieri sera, la presentazione del nuovo tecnico e del suo staff. A prendere la parola per primo è stato il direttore generale dott. Sergio Russo che ha chiarito i punti che hanno caratterizzato gli ultimi due mesi, e cioè: l’avvicendamento tecnico della panchina, l’acquisto del logo e  la relativa richiesta di variazione del nome, l’avvenuta iscrizione al campionato e la riconferma dello zoccolo duro della passata stagione. 

Il Dg Russo ha spiegato che la società, (che al 90% si dovrebbe chiamare ufficialmente U.S.D. Cavese 1919),  con l’acquisto del logo e di alcuni passaggi importanti


per la risoluzione della vicenda, potrà riprendere in toto la denominazione storica non appena le naturali vicende porteranno all’estinzione della vecchia Cavese e della sua matricola risultando, l'attuale società, beneficiaria a tutti gli effetti. Prima di cedere  la parola al  presidente Manna, che in linea di massima ha ricalcato quanto affermato dal direttore generale, il Dg Russo ha spiegato che per motivi personali abbastanza seri, (forse di salute), il Dr Rino Artigiano ha lasciato libera la carica di vice presidente facendo un passo indietro. Il presidente Manna, intanto,  una volta preso la parola ha sottolineato il fatto di essere anomali come società nel mondo del calcio e quindi di non rispettare in pieno gli iter operativi come le altre, ma non per questo assenti:

"Ci scusiamo per il ritardo, ma eravamo presenti in silenzio e non assenti dice il presidente - Le cose importanti che avevamo da fare le abbiamo fatte, e non per questo non ci interessa costruire la squadra. Abbiamo prima badato a delle priorità. Noi non vogliamo prendere giocatori tanto per prenderli o per fare nomi graditi alla piazza che magari poi non paghiamo o mandiamo via a Dicembre perché non servono. A noi interessa una programmazione seria”.

La società ha quindi comunicato che il ritiro inizierà, con delle sedute in sede, Mercoledì 24 Luglio per poi partire alla volta di Morcone (BN),  Lunedi' 29 Luglio, sottolineando che ad oggi le società che hanno già cominciato il ritiro sono quelle che aspirano al ripescaggio in Lega Pro e che, data la politica scelta, non c'è alcun gap da recuperare con le altre. I dirigenti hanno poi precisato che tutte le squadre puntano a vincere a Luglio, ma alla fine è una sola a trionfare, puntualizzando che se si fossero scelti nomi altisonanti sicuramente a Dicembre si sarebbe dovuto alzare bandiera bianca, mentre la società preferisce pagare tutti i calciatori e garantire un futuro solido alla squadra e alla città. Ai tifosi che hanno chiesto di non essere presi in giro su logo e altro, il presidente ha mostrato il documento comprovante l’opera svolta dalla società riguardo la denominazione. Durante la conferenza, inoltre, è emerso che I dirigenti della Cavese starebbero valutando anche la possibilità di ammissione nel girone laziale, in quanto le sarde hanno chiesto, per motivi logistici, l'inserimento nel girone ligure-piemontese (e quindi A e B). 

Arriva, poi, il turno di mister Massimo Agovino, che un po' preso dall'emozione si presenta al popolo calcistico metelliano. Così in sintesi:

"Se avessi saputo di tutte queste persone mi sarei preparato un discorso. Ho fatto una prima gaffe evidentemente. Apro con una banalità dicendo che quando mi hanno chiamato il presidente Manna ed il direttore sportivo non ho dormito per giorni perché Cava rappresenta il massimo per un allenatore e questo lo dico senza voler attirare le simpatie. E' una città che ha una cultura, una storia sportiva e non, perciò,  per me essere qui è motivo di onore”. Il nuovo tecnico, dopo aver raccontato un aneddoto sulle sue esperienze di allenatore, chiude l’intervento promettendo alla tifoseria il massimo impegno. 


Il Ds Casapulla, infine, illustra la situazione attuale e le prospettive future, partendo dalla situazione under. Riscattato a titolo definitivo Salvatore Russo, che è quindi un calciatore di proprietà, il direttore sportivo ha spiegato che la società non ha voluto in prestito degli under da altre società perché vuole valorizzare i propri giovani e non quelli degli altri. Casapulla  conclude l’intervento con l’argomento over, lasciando intendere che un altro cavese doc, (Marco Iovine, già con il Città di Cava 1394 due anni fa e uno degli aquilotti autori dlla promozone in D),  starebbe per approdare alla Cavese, sottolineando anche che sta conducendo delle trattative dando un'occhiata al budget e che prima di partire per il ritiro sarà sicuramente ufficializzato qualche nome; eventuali gap tecnici con le altre squadre saranno sopperite con la cattiveria agonistica e l'organizzazione tattica. Gli interventi di De Rosa e Manzi, che con la loro presenza hanno confermato l'attaccamento alla casacca bleufoncè, hanno concluso la serata. Ad ogni modo, tutto ciò che è emerso dalla conferenza stampa  è visibile (in maniera integrale) nel video della presentazione cliccando sul link di seguito allegato. 


Nello Bisogno

9 commenti:

  1. Praticamente nulla di nuovo è stato detto, e nemmeno calciatori sono stati presentati. Siamo al punto di partenza, praticamente a zero. La dirigenza si è confermata irritante e incompetente senza spiegare quali sorti realmente ci attendono: CHE LOTTEREMO PER NON RETROCEDERE - Cava e la Cavese ha bisogno di ben altro che le stronzate come logo e nome. In questo modo l'entusiasmo non torna. Siamo proprio messi male.

    RispondiElimina
  2. Pesidè.... tu e i tuoi soci iat a vennr i cunfiett ca è l'unica cosa ca putit fa!!!!!

    RispondiElimina
  3. La dirigenza ieri è stata chiara, niente spese folli e giocatori a svernare con ingaggi altissimi perchè non ce li possiamo permettere!!Da tifoso anch'io vorrei uno squadrone pronto a puntare al vertice da subito...ma questa è la situazione e non possiamo criticare appena questi aprono bocca anche perchè sceicchi all'orizzonte pronti a rilevare la Cavese non ne vedo!!Facciamoli lavorare e che cazz.....

    RispondiElimina
  4. questi che gia' criticano devono solo vergognarsi e tacere, ma cosa vi aspettavate il real madrid? questa e' gente che sta programmando, basta vedere il fatto dei giovani di proprieta' e nn in prestito, questo vuolo dire vedere a lungo, accontentiamocvi, il momento e' quello che e'.

    RispondiElimina
  5. giusto accontentiamoci, anche perchè questa società lo avevamo già capito che non ha soldi, ha fatto solo l'errore di dire che voleva vincere il campionato ma perchè non sanno niente di calcio. perciò non ci illudiamo, con i soldi che vogliono spendere secondo me se ci salvaimo è un miracolo.avete visto che non abbiamo fatto neanche un acquaisto? e nemmeno iovine è un rinforzo, nel città de cava in eccellenza era riserva

    RispondiElimina
  6. Noi non ci aspettiamo il real madrid ma nemmeno ci piace essere presi per i fondelli! Vogliono fare il settore giovanile con ragazzi di proprietà perchè sono commercianti, lo fanno con la speranza che esce il campione di turno e se lo rivendono per fare soldi. (Sperano di allevare CAVALLI DI RAZZA, quindi a scopo di lucro e non per quelo che pensi tu amico dl commento n.5) Questo ci può anche stare, LORO SONO I PADRONI DELLA SOCIETA', ma il campionato è un altra cosa. al momento come stanno le cose sarà duro salvarci. Poi sta storia di logo e nome non mi va giu, continuano a marciare su questa cosa pensando di attirare più gente allo stadio, ma si sbagliano. SENZA UNA SQUADRA COMPETITIVA E SENZA RISULTATI LA GENTE NON TORNA! E la strada intrapresa non farà tornare entusiasmo alla piazza! Sicuramente non sarà il marchio o il nome ad infiammare i cuori biancoblù, queste sono cose che interessano solo alla curva sud. Oltretutto nessun nome vecchio (e lo si capisce anche da quello che dice Russo in conferenza) è stato ripreso. SENZA GIOCATORI E SENZA RISULTATI NIENTE ENTUSIASMO E NIENTE PIENONE!

    RispondiElimina
  7. Casapulla e la società non si smentiscono...... !!!Hanno preso anche Guarro!!! ...... In arrivo tre colpi di CASAPULLA: RANOCCHIA DE ROSSI CAVANI... la serie D è già nostra

    RispondiElimina
  8. Iovine a Cava era riserva perché in rosa c'erano altri 5 centrocampisti centrali: Rosario De Rosa, Marrandino, Vitagliano, Lordi e pure Maio. E quello che è arrivato per ultimo è proprio Iovine, quindi non è stato facile farlo giocare

    RispondiElimina

I più letti di sempre